L'insana improvvisazione di Elia Vettorel - Anemone Ledger

TITOLO: L'insana improvvisazione di Elia Vettorel
AUTORE: Anemone Ledger
EDITORE: Ermes
GENERE: Horror
USCITA: 1 Gennaio 2017
PAGINE: 168

Disponibile in ebook e copertina flessibile








                                  TRAMA:

Improvvisazioni negative accompagnano tutta la fiaba nera di Elia Vettorel, dai suoi primi anni in orfanotrofio fino alla morbosa
attenzione nei confronti di sua madre, al delirio completo, alla perdita di se stesso. La collezione di quadri inquietanti raffiguranti bambini uccisi in modi brutali, l’adrenalina nel compiere atti immondi, la derisione per il suo aspetto e la cicatrice sulla guancia, vero e proprio squarcio nell’abisso infernale e sconnesso della sua anima; come non poteva, Elia Vettorel, compiere un atto insano?


         CONSIDERAZIONI PERSONALI:

Buona sera lettori e lettrici,

Stasera voglio parlarvi di un libro dal genere un po insolito per me.
Questo è il primo libro thriller-horror che leggo e devo dire che mi è piaciuto abbastanza. 


Il libro in questione si intitola "L'insana improvvisazione di Elia Vettorel" ed è stato scritto da Anemone Ledger.
 

Considerando che l'autrice sia al suo primo libro scritto, posso dire che il libro è ben scritto da una persona davvero capace.
Per quanto riguarda la storia, posso dire che per me, affatto amante di questo genere, ho trovato un libro scorrevole, ma sopratutto, posso dirvi con certezza, che una volta inziato non vedrete l'ora di finirlo.
 

La storia non è di quelle più felici e non è una storia facile: Elia Vettor,il protagonista, è dietro le sbarre, ma cosa ha fatto?
Ripercorre con la psicologa il suo passato, un susseguirsi di scoperte e motivazioni, per andare fino in fondo alla lettura.
 

Un libro che non manca di suspance, di segreti e vicende inaspettate.
Insomma, assolutamente consigliato per chi ama il genere, ma anche per chi vuole avvicinarsi per la prima volta.


Voltiamo pagina...al prossimo capitolo :)


LaLibreriaDiMommy



2 commenti:

Aggiungi il tuo commento